ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Addio 2013. Festa per il 2014 in tutte le grandi città del pianeta

Lettura in corso:

Addio 2013. Festa per il 2014 in tutte le grandi città del pianeta

Dimensioni di testo Aa Aa

Un rito, un’isteria collettiva, una preghiera. Che vi interessi o meno, che abbiate festeggiato fino a perdere la voce o che vi siate messi in pigiama alle 8 di sera, ovunque abitiate e ovunque vi siate svegliati, benvenuti nel 2014.

Certo se non ci fossero luoghi come Times Square a New York oppure Rio De Janeiro con la sua febbre celebrativa, le televisioni di tutto il mondo non avrebbero gran chè da mostrare…

Invece il sindaco di Rio ha promosso l’idea, si presume di facile realizzazione sull’onda dei festeggiamenti, di un bacio collettivo allo scattare della mezza notte. Sulla spiaggia di Copacabana c’erano poco meno di due milioni di persone.

Complice un inverno particolarmente clemente almeno un milione di persone hanno invece riempito la Piazza Rossa a Mosca. Con le cupole di San Basilio a fare da scenografia lo spettacolo è sempre assicurato, anche se l’allerta per possibili attentati ha costretto all’aggiunta di 20.000 agenti per le strade della capitale.

Londra può vantare per quest’anno il record del primo spettacolo pirotecnico “multisensoriale” del pianeta. Almeno è quanto assicura il sindaco Boris Johnson che ha organizzato la distribuzione di kit olfattivi per dare più gusto alla festa. Neve alla pesca, coriandoli alla banana, bolle di profumo d’arancia… E qualcuno ringrazia per non esserci andato.

La Porta di Brandeburgo è stata poi il cuore di quella che gli organizzatori berlinesi hanno definito la più grande festa al mondo. Oltre due milioni di persone sotto la quadriga con la Dea della Pace, ma le celebrazioni si sono svolte anche ad Alexander Platz e Postdammer Platz.

Sfarzo e spesa da record come al solito a Dubai dove, per questo capodanno, l’emirato ha deciso di entrare nel guinnes dei primati con il più grande spettacolo di fuochi d’artificio di sempre: 400.000 fuochi gestiti da più di 200 tecnici per costringere la folla con il naso all’insù per 6 minuti consecutivi.

Può anche darsi che quello di Sydeny non sia stato lo spettacolo più sorprendente: di certo però è stato il primo tra le grandi capitali del nostro pianeta. Spesa dei festeggiamenti: l’equivalente di 3 milioni e 800.000 euro.