ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Volgograd, l'inchiesta: analogie fra i due attentati

Lettura in corso:

Volgograd, l'inchiesta: analogie fra i due attentati

Dimensioni di testo Aa Aa

Ci sono anche tre bambini tra le persone ferite nell’attentato perpetrato su un filobus di Volgograd, nel sudovest della Russia. Un bimbo di circa 6 mesi è in coma e ha diverse
ferite al cranio, secondo il ministero della sanità russo, le condizioni del neonato sono estremamente serie, i suoi genitori potrebbero essere morti.

Finora il bilancio è di almeno 15 vittime e 27 feriti, di cui tre in
condizioni molto critiche. Queste le ultime informazioni sull’inchiesta, Vladimir Markin è il portavoce della Polizia federale russa:

“Secondo le prime informazioni, la potenza della bomba equivaleva a 4 kg di tritolo. Come l’ordigno scoppiato alla stazione, era riempito di schegge di metallo. Le somiglianze fra le due bombe ci fanno pensare che le due azioni terroristiche siano connesse. I due ordigni potrebbero essere stati preparati nello stesso posto”.

L’attentato di domenica alla stazione di Volgograd ha provocato almeno 17 morti, compreso il kamikaze che si è fatto esplodere vicino al metal detector all’ingresso dello scalo ferroviario.

Queste sono le immagini delle telecamere di sorveglianza poco prima dello scoppio. Mostrano i sospetti. Ed ecco la registrazione dell’esplosione.

Volgograd era già stata colpita il 21 ottobre, quando una donna azionò un ordigno a bordo di un autobus, bilancio: 6 morti.