ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina, due arresti per l'aggressione di Tatyana Chornovol

Lettura in corso:

Ucraina, due arresti per l'aggressione di Tatyana Chornovol

Dimensioni di testo Aa Aa

Il video ha fatto il giro del mondo. Gli aggressori arrivano all’improvviso speronando con un SUV la macchina sulla quale viaggiava, immagini riprese dalla telecamera montata sul cruscotto.

Lei prova a scappare in retromarcia e successivamente anche a piedi, ma loro la raggiungono e la picchiano selvaggiamente.

Il loro mezzo è stato ritrovato nella zona sud di Kiev: due uomini sono stati arrestati, un terzo è ancora latitante.

Vittima del brutale assalto, avvenuto nella notte tra il 24 e il 25 dicembre, è la giornalista investigativa ucraina Tatyana Chornovol.

Le telecamere l’hanno raggiunta nel reparto terapia intensiva: ha il volto tumefatto e sanguinante, riesce a malapena a parlare.

Attivista con alle spalle tante azioni di protesta, la donna è considerata una figura molto “scomoda” per aver scritto una serie di articoli che scavavano negli affari e nei patrimoni dei vertici governativi.

Prima dell’aggressione aveva pubblicato immagini della casa di campagna del ministro dell’Interno Vitaliy Zakharchenko.

La notorietà la raggiunse però nell’agosto 2012, quando riuscì a intrufolarsi nella residenza del presidente Yanukovich e ad immortalare i campi da golf e persino una lussuosa casa galleggiante.

Da settimane Tatyana Chornovol era presenza fissa in Piazza Maydan, cuore della protesta filo-europeista.

La polizia, durante i primi rilievi, ha parlato di vendetta, incidente o semplice provocazione. Ma per ora i perché dietro questa aggressione ancora non emergono.