ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rimpasto di governo in Turchia, migliaia in piazza contro Erdogan

Lettura in corso:

Rimpasto di governo in Turchia, migliaia in piazza contro Erdogan

Dimensioni di testo Aa Aa

Recep Tayyip Erdogan procede al rimpasto dell’esecutivo, ma la mossa seguita al più grave scandalo di corruzione dei suoi undici anni al potere non placa il sentimento antigovernativo.

Prendendo le distanze dalla vicenda – che ha visto le dimissioni di tre ministri – ad Ankara il premier turco ha presentato al presidente Abdullah Gül la lista di dieci nuovi nomi:

“Alcuni dei miei collaboratori hanno rassegnato le dimissioni a causa delle recenti vicende – ha detto -. Alcuni di loro hanno lasciato il ruolo ministeriale per potersi candidare alle elezioni locali. Per gli altri, perché ho deciso io di allontanarli”.

Il ministro dell’Interno, dell’Economia e dell’Ambiente hanno lasciato l’incarico a causa dello scandalo di corruzione e tangenti legato a licenze edilizie in aree urbane che ha portato all’arresto di una cinquantina di persone – tra cui loro figli – a metà dicembre.

Gli arresti hanno segnato il culmine di un’inchiesta condotta in gran parte in segreto, secondo Erdogan frutto di un complotto internazionale per screditarlo, anche in vista delle elezioni amministrative in programma a marzo. Un altro grave colpo per il premier, dopo le proteste di Gezi Park dell’estate.

Secondo l’opposizione, le dimissioni sono arrivate troppo in ritardo. Il titolare dell’Ambiente – tra i dimissionari – ha chiesto a Erdogan di seguire l’esempio e farsi da parte.

Gli fanno eco le migliaia di persone già scese in piazza a Istanbul per protestare contro Erdogan e chiedergli di andarsene. Preludio delle manifestazioni convocate per domani in tutto il Paese.