Skip to main content

Repubblica centrafricana: tensione a Bangui dopo un Natale di sangue
close share panel

Condividere l'articolo

Twitter Facebook
| Condividere questo articolo
|

La capitale centrafricana è rimasta in preda a una tensione palpabile nella giornata di Santo Stefano, dopo un Natale all’insegna di violenze e confusione.

I soldati francesi hanno laciato all’alba un’operazione di messa in sicurezza di due quartieri cristiani, uno nel nord della città, vicino all’aeroporto, l’altro a sud. In queste aree il 25 dicembre si era scatenato il panico in seguito a scontri armati di origine indeterminata. Cinque soldati ciadiani della Forza africana Misca sono rimasti uccisi. Una residente:

“ Sono uscita per prima perché sono la responsabile. Preferisco che uccidano me priuttosto che i miei nipotini e mia figlia. Sono uscita con le mani in alto e hanno detto è nostra madre, lasciatela tranquilla”.

Le violenze hanno provocato la fuga di migliaia di residenti in preda al panico. Molti si sono rifugiati vicino all’aeroporto, dove si contano già decine di migliaia di sfollati.

Gli abitanti pensano che le violenze del giorno di Natale siano state provocate da un attacco delle milizie anti-balaka, ovvero le milizie cristiane di autodifesa, contro i soldati ciadiani, accusati di sostenere gli ex ribelli Séléka che hanno destituito il rpesidente Bozizé a marzo.

In questa situazione il Marocco ha acconsentito all’invio di centinaia di truppe. La cerimonia di avvio della missione ha avuto luogo ad Agadir. I militari si uniranno ai 4 mila soldati della Misca, e ai 1.600 unità francesi.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni
| Condividere questo articolo
|

Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?