ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pussy Riot fuori dal carcere lavoreranno a progetto su diritti umani

Lettura in corso:

Pussy Riot fuori dal carcere lavoreranno a progetto su diritti umani

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono tornate libere e se possibile ancora più battagliere di prima, Maria e Nadia, le due Pussy Riot graziate da Putin. La clemenza, arrivata poche settimane prima di aver finito di scontare la pena, la bollano come un gesto di propaganda del preidente Putin, e annunciano di volersi impegnare nella difesa dei diritti umani. In un paese, dicono, che è una grande prigione a cielo aperto.

“Parleremo degli obiettivi, dei mezzi e della struttura del nostro progetto sui diritti umani. Vogliamo definirlo nei dettagli. Abbiamo delle idee sulle cose da fare e su come costruire un progetto comune”.

“Non possiamo restare inerti davanti alle tante donne in prigione, viste come docili oggetti da modellare. Vogliamo cambiare questo stato di cose”.

Per le giovani musiciste pop, forse, si apre la strada di un impegno politico di lungo periodo.