ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Thailandia, manifestanti contro le elezioni anticipate

Lettura in corso:

Thailandia, manifestanti contro le elezioni anticipate

Dimensioni di testo Aa Aa

“Non ci fermeremo finché non se ne sarà andata o non sarà morta”: escalation nei toni in Thailandia contro il primo ministro Yingluck Shinawatra.

Il leader della protesta che da giorni ne chiede le dimissioni, l’ex membro del Partito democratico Suthep Thaugsuban, ha chiesto il boicottaggio delle elezioni anticipate annunciate dal premier, invitando i manifestanti di impedire la registrazione delle liste.

“Non siamo d’accordo con l’idea di andare a elezioni”, ha detto Thaugsuban arringando la folla. “Vogliamo che il Paese sia riformato prima di andare alle urne. Perciò, dopo cena andremo ad accamparci per stanotte nel luogo in cui i candidati devono registrarsi per le elezioni”.

L’ultima ondata di proteste è cominciata domenica mattina, quando decine di migliaia di persone hanno invaso le strade di Bangkok.

Per i manifestanti Yingluck Shinawatra non sarebbe che una pedina del fratello Thaksin, ex premier oggi in esilio a Dubai.

Le manifestazioni erano cominciate proprio a causa di un progetto di amnistia che avrebbe coperto anche la condanna per corruzione a carico di quest’ultimo.