ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attesa per la prima conferenza stampa di Khodorkovsky dal rilascio

Lettura in corso:

Attesa per la prima conferenza stampa di Khodorkovsky dal rilascio

Dimensioni di testo Aa Aa

Mikhail Khodorkovsky riabbraccia i genitori a Berlino e si prepara alla prima conferenza stampa da uomo libero. L’ex magnate russo del petrolio ha ritrovato la madre Marina e il padre Boris all’Hotel Adlon, nel cuore della capitale tedesca, che lo ha accolto all’indomani della grazia concessa da Vladirmir Putin, ufficialmente per motivi umantiari.

Nella prima intervista televisiva dopo dieci anni di carcere, il nemico di sempre del Presidente russo ha raccontato di avere ricevuto alcune visite, anche da parte dei familiari, ma solo per un periodo ristretto di tempo.

Un po’ meno di quattro anni, in entrambe le prigioni dove ha scontato la pena per evasione fiscale e appropriazione indebita, una nell’estremo oriente russo, l’altra nel nordovest del Paese, ai confini con la Finlandia.

Ora si attende che l’ex capo della Yukos annunci cosa intende fare, a iniziare dalla scelta tra il ritorno in Russia o l’esilio. E che emergano nuovi dettagli della liberazione, avvenuta a poche settimane dai giochi invernali di Sochi grazie alla mediazione della Germania, principale partner della Russia in Europa.

Nell’annunciare la conferenza stampa, il figlio maggiore Pavel – avuto dal primo matrimonio – ha spiegato: “Come potete immaginare mio padre sta attraversando un periodo intenso in questo momento quindi non può essere con tutti voi oggi ma apprezza davvero il sostegno ricevuto durante questi anni e tutte le persone che si sono prese cura di lui e preoccupate per la sua vicenda negli ultimi dieci anni”.

Khodorkovsky parla oggi alle 13 Ora Centrale Europea dal Checkpoint Charlie – il varco più famoso della guerra fredda – in un intervento trasmesso in diretta su Euronews.