ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cantavamo l'apartheid: il futuro album della soprano Pumeza Matshikiza

Lettura in corso:

Cantavamo l'apartheid: il futuro album della soprano Pumeza Matshikiza

Dimensioni di testo Aa Aa

La soprano Pumeza Matshikiza è cresciuta a Città del Capo, Sudafrica. Oggi canta per l’Opera di Stato di Stoccarda e si è recata a Londra per incidere il suo album d’esordio presso i famosi Abbey Road Studios.

Pumeza Matshikiza, soprano:” Quest’album è di fatto un riflessione sul mio viaggio da Città del Capo ai teatri dell’opera d’Europa. Col produttore abbiamo deciso di aggiungere canzoni sudafricane e alcune arie. Come sudafricana sento l’influenza della mia terra cosi’ abbiamo deciso di mettere piu’ canzoni sudafricane anche perchè si trattava di un nuovo progetto con nuovi arrangiamenti dell’Aurora Orchestra”.

Pumeza Matshikiza, soprano:
“Fin da giovane capivo che la situazione era completamente folle, da bambina non mi sentivo sicura, percepivo l’assenza di qualcosa, non vivevamo come si doveva. Ho frequentato la “Homba Public Primary School” dove gli insegnanti erano appassionati di musica. Naturalmente insegnavano in mezzo a mille difficoltà ma cercavano di farlo”.

Pumeza Matshikiza:” Nel’album ci sono anche le canzoni che cantavamo durante l’apartheid o che si erano ispirate all’apartheid come quella il cui titolo si traduce con “Sono tutti in prigione”. Abbiamo anche ‘Tool Ababa’ che è una bella ninna nanna. L’orchestra ha preso in mano il progetto che esprime una musica molto fresca”.

L’album di Pumeza Matshikiza esce la prossima primavera.