ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scuola: un banco tra i campi agricoli

Lettura in corso:

Scuola: un banco tra i campi agricoli

Dimensioni di testo Aa Aa

Secondo l’Onu, nel 2011 il 70% delle persone in condizioni di povertà estrema viveva nelle aree rurali. Cosa può essere fatto per migliorare la vita di queste comunità? In questa puntata conosciamo alcuni progetti: dal Portogallo al Nicaragua, passando per gli Stati Uniti.

Portogallo: professione agricoltore

Nel Portogallo della crisi occupazionale, i giovani nelle aree rurali stanno cercando sempre di più di formarsi per una carriera in agricoltura. In tempo di crisi, il settore agricolo è stato molto valorizzato. È vista come una delle poche possibilità per i giovani portoghesi che non vogliono emigrare. Vincente, in tal senso, è la scuola professionale di agricoltura ‘Conde São Bento’, in Santo Tirso, nel distretto di Oporto. Qui si imparano i diversi mestieri dell’agricoltura. E si torna sul mercato del lavoro.

Carolina del Nord: l’agricoltura può aspettare

Sono 500 mila i bambini negli Stati Uniti che lavorano nei campi. La legge americana permette ai piccoli, fra i 12 e i 13 anni, di lavorare in fattoria, fuori dall’orario scolastico. Un progetto nella Carolina del Nord cerca di accrescere le conoscenze agricole della comunità, insegnando la leadership e promuovendo il valore dell’istruzione. ‘‘Andare a scuola è molto meglio che lavorare nei campi di tabacco’‘: dice il giovane Jose.

Nicaragua: lezioni sul ‘‘campo’‘

C‘è tanto da imparare in un’azienda agricola. In Nicaragua un progetto offre la possibilità di accedere all’istruzione secondaria nelle zone rurali. Attraverso lezioni pratiche, gli insegnanti aiutano gli studenti a utilizzare al meglio le risorse della comunità. Il programma si chiama “SAT”, è un metodo alternativo in cui è centrale l’interazione tra genitori e studenti. Il progetto assicura a entrambi di frequentare la scuola secondaria in queste zone che restano ai margini. Il metodo è pratico. La scuola è sul campo, letteralmente all’aria aperta.