ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, Catalogna vuole referendum nel 2014 ma Madrid si oppone

Lettura in corso:

Spagna, Catalogna vuole referendum nel 2014 ma Madrid si oppone

Dimensioni di testo Aa Aa

Tra meno di un anno, gli elettori catalani potrebbero essere chiamati a pronunciarsi su un doppio quesito: se vogliono che la Catalogna sia uno stato. E se vogliono che sia uno stato indipendente.

Il presidente regionale Arturo Mas e i partiti indipendentisti che lo sostengono vogliono fissare la data per il referendum al 9 novembre 2014. “Entro quella data – ha detto Mas – le istituzioni spagnole avranno tempo di negoziare con quelle catalane per trovare un quadro giuridico che consenta di tenere la consultazione. Le possibilità sono molte”.

Non la pensano così a Madrid, dove il governo del premier Rajoy fa presente che un referendum sull’autonomia della Catalogna sarebbe anti-costituzionale.

Il ministro della Giustizia Alberto Ruiz-Gallardón avverte: “Realizzare una consultazione di questa natura sarebbe contrario alla costituzione e allo statuto di autonomia della Catalogna. Voglio ricordare che il presidente del governo catalano è un rappresentante dello Stato e pertanto è tenuto a rispettare la legge”.

La Catalogna, che contribuisce a un quinto dell’economia spagnola e ha debiti per oltre 50 miliardi di euro, reclama un’autonomia ancora maggiore di quella che già possiede in tema di tasse e spesa pubblica. Secondo i sondaggi, oltre la metà dei catalani voterebbe per l’indipendenza.