ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Uruguay: legalizzazione marijuana, parlamento verso uno storico sì


Uruguay

Uruguay: legalizzazione marijuana, parlamento verso uno storico sì

L’Uruguay a un passo dalla legalizzazone della marijuana. Il Paese sudamericano nel 2014 sarà il primo al mondo dove sia la produzione che la vendita di cannabis saranno controllate dallo Stato.

Il senato di Motevideo si appresta infatti ad approvare la legge, voluta dal Presidente José Mujica e già passata alla Camera, che disciplina produzione e commercializzazione. Dopo questo passaggio, mancherà solo la firma dello stesso capo dello Stato.

“Pensiamo di trattare questo vizio come si tratta una dipendenza – spiega José Mujica – Vogliamo sfidare il narcotraffico nel mercato, in modo da rendere poco conveniente il traffico illegale perché lo Stato venderà la marijuana a un prezzo più basso e controllato. Invece di combattere il fenomeno con la repressione, lo combattiamo con le regole del mercato”.

Le farmacie dell’Uruguay potrebbero avviare la vendita già ad aprile, ad un prezzo equivalente a 75 centesimi di euro al grammo. I consumatori potranno acquistare fino a 40 grammi al mese, ma solo dopo essersi iscritti in un registro nazionale.

“Siamo consapevoli che questo progetto, se lo si analizza con attenzione, non risolve il problema del traffico di droga – sostiene Veronica Alonso, deputata dell’opposizione – Se si cerca di trovare una soluzione definitiva e vera al problema del traffico di droga, allora dovremmo parlare – a breve sarà così – della legalizzazione della cocaina, che è davvero il mercato più importante”.

Si potranno coltivare fino a sei piante per uso personale, ma da far crescere all’interno di circoli istituiti dalla stessa legge.

Il governo di Montevideo calcola di generare un ritorno annuale equivalente a circa 25 milioni di euro.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo

mondo

Ucraina: Yanukovich apre al dialogo con l'opposizione, ma la polizia resta pronta a intervenire