ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La polizia ucraina pronta a sgomberare il municipio di Kiev

Lettura in corso:

La polizia ucraina pronta a sgomberare il municipio di Kiev

Dimensioni di testo Aa Aa

I reparti antisommossa della polizia ucraina sono pronti a intervenire al municipio di Kiev.

Circa duecento agenti sono posizionati a una cinquantina di metri dall’edificio, occupato dai manifestanti dal primo dicembre.

Le autorità ucraine hanno ordinato l’evacuazione, dopo avere imposto un ultimatum per abbandonare l’edificio. Ultimatum che scade oggi.

“Abbiamo uno spirito cosacco, combattivo, questo è ciò che conta – dice un manifestante -. Siamo ucraini. I nostri antenati hanno vinto. Sono riusciti a battere eserciti e noi non abbiamo paura di nessuno”.

Il municipio è solo uno dei luoghi diventati teatro della più grande mobilitazione dalla Rivoluzione Arancione del 2004.

Resta ora da verificare quale impatto avrà il “sì” del presidente Viktor Yanukovich alla tavola rotonda con l’opposizione per risolvere la crisi.

La police anti-émeutes ukrainienne a pris position lundi aux abords de la mairie de Kiev, occupée depuis le 1er décembre par des manifestants pro-européens.

Environ 200 policiers casqués et munis de boucliers se sont déployés sur un carrefour du centre de la capitale, à une cinquantaine de mètres de l’hôtel de ville.

La justice a ordonné l‘évacuation du bâtiment et la police a prévenu la semaine dernière les occupants de la mairie qu’ils avaient quatre jours pour quitter les lieux, sous peine d’en être expulsés.

Des centaines de milliers d’opposants au président Viktor Ianoukovitch se sont massés dimanche à Kiev pour afficher leur hostilité à tout rapprochement de l’Ukraine avec la Russie après l’abandon d’un partenariat avec l’Union européenne.

nei pressi del municipio occupato dagli attivisti il primo dicembre. Oggi scade infatti l’ultimatum dato dal tribunale ai manifestanti per lasciare l’edificio. Gli attivisti dell’opposizione hanno chiesto ai dimostranti di allontanarsi in modo da evitare scontri, ma la presenza della polizia in assetto antisommossa alimenta i timori nonostante l’apertura del governo con l’offerta di una “tavola rotonda” per il dialogo accettata dal presidente.

Nel tardo pomeriggio gli agenti hanno cominciato a rimuovere alcune delle barricate erette dai dimostranti all’ingresso del municipio dove un grosso scudo blocca le scale verso il primo piano.

“Abbiamo uno spirito cosacco, combattivo, questo è ciò che conta. Siamo ucraini. I nostri antenati hanno vinto. Sono riusciti a battere eserciti e noi non abbiamo paura di nessuno”.