ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Vento dell'infanzia accarezzami ancora i capelli!"

Lettura in corso:

"Vento dell'infanzia accarezzami ancora i capelli!"

Dimensioni di testo Aa Aa

Ai bambini siriani nel campo rifugiati di Zaatari in Giordania sono dedicati gli sforzi di Clown senza frontiere.
5 pagliacci di origine europea affiliati ad una organizzazione americana, si esibiscono in luoghi di crisi come questo e cercano di strappare il sorriso a bambini che hanno visto di tutto, ai quali spesso è stata rubata l’infanzia. Sono i clown della compagnia spagnola Mabsutins.

Moises Queralt, clown:
“ Possiamo vedere e percepire bene che vivono in una situazione molto dura, lontani dalla loro casa. E’ importante fare uno spettacolo per loro, cercare di farli ridere un po’ per dimenticare le cose brutte della guerra, almeno per un po’”

Circa 60 bambini hanno visto la performance. Fra loro Rana Ziad, giunta al campo un anno fa con i genitori e sei fratelli e sorelle dopo aver lasciato la città siriana di Daraa.

Rana Ziad, rifugiata:
“ Passiamo dei bei momenti, certo siamo tristi perchè siamo lontani da casa ma quando vengono i clown ci fanno ridere”.

Fin dalla sua apertura nel luglio 2012, il campo di Zaatari in Giordania viene gestito congiuntamente delle autorità locali e dalle Nazioni Unite adesso ospita circa 120 mila rifugiati siriani. Il 40 % sono bambini.