ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ha 400mila anni il dna umano più antico mai studiato

Lettura in corso:

Ha 400mila anni il dna umano più antico mai studiato

Dimensioni di testo Aa Aa

Questo femore umano risalente al Pleistocene ha rivelato la più antica sequenza di dna finora studiata.

L’osso, trovato in una grotta spagnola nel 1990, apparteneva a un ominide di 400mila anni fa ed ha fornito notizie soprendenti.

L’individuo viveva nel nord della Spagna ma aveva caratteristiche che lo apparentano a un tipo di ominide le cui tracce portano migliaia di chilometri più a est, in Siberia:

Il paleontologo Juan-Luis Arsuaga è lo scopritore dei reperti:

“Adesso potremo capire meglio come si è prodotta l’evoluzione che ha portato all’uomo di Neandertal e alla nostra specie e quali siano state le relazioni fra specie e linee evolutive diverse all’orizzonte di mezzo milione di anni fa.”

La caverna Sima de los huesos, dove sono stati ritrovati i resti di una trentina di ominidi e di animali, oltre al segmento di femore studiato, ha la caratteristica di avere un tasso di umidità e una temperatura praticamente costanti, condizioni ideali per favorire la conservazione dei reperti.

L’uomo di Sima ha dunque tratti in comune con l’uomo di Denisova e non con quello di Neandertal.

La derivazione verso quest’ultima specie, in Europa, dovrà dunque forse essere spostata a un tempo più recente rispetto a quanto finora ritenuto dai paleontologi.