ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La polizia uccide. Triste prima volta nella pacifica Islanda

Lettura in corso:

La polizia uccide. Triste prima volta nella pacifica Islanda

Dimensioni di testo Aa Aa

Triste prima volta della polizia islandese: mai fino ad ora gli agenti del pacifico paese nordico, si erano trovati a uccidere nel corso di un intervento.

E’ successo nella notte di lunedì a Rejkyavik, dove le forze dell’ordine hanno abbattuto un uomo, che nel cuore della notte si era messo a sparare dalla finestra senza ragioni apparenti.

“Due agenti sono stati feriti durante l’operazione, ma nessuno dei due seriamente. – fa il punto il capo della polizia locale -. L’uomo era instabile mentalmente. Abbiamo comunque aperto un’inchiesta per stabilire se la risposta della polizia sia stata eccessiva”.

Prima di essere abbattuto, l’uomo aveva aperto il fuoco con un fucile da caccia, sulla pattuglia che era intervenuta.

Se a salvar loro la vita sono stati i giubbetti anti-proiettile i vicini di casa parlano di “tanta paura: “Mi hanno svegliata gli spari – dice una di loro -. Prima ho pensato fossero tuoni poi quando ho capito di cosa si trattava sono rimasta terrorizzata. Non avevo il coraggio di uscire di casa”.

A rispecchiare l’eccezionalità dell’evento, un tasso di criminalità talmente ridotto, da indurre i vertici della polizia islandese ad “armare” appena qualche decina dei suoi poco più di 600 agenti.