ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Thailandia: manifestanti contro il governo irrompono in ministeri

Lettura in corso:

Thailandia: manifestanti contro il governo irrompono in ministeri

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono riusciti a fare irruzione in due ministeri, quello delle Finanze e quello della Difesa, e promettono di attaccare anche altre sedi governative finché il primo ministro thailandese Yingluck Shinawatra non si dimetterà.

Non si spengono le proteste a Bangkok, cominciate quasi un mese fa per un progetto di legge di amnistia per reati politici, di cui avrebbe beneficiato l’ex premier in esilio Thaksin Shinawatra, fratello dell’attuale primo ministro.

Nonostante il Senato abbia respinto la proposta di amnistia, le manifestazioni contro il governo non si sono fermate, provocando la più grave crisi politica dal 2010. Allora le “camicie rosse” fedeli a Thaksin occuparono per due mesi il centro di Bangkok; durante le proteste ci furono 90 morti e quasi 2000 feriti

Yingluck Shinawatra ha proclamato lo stato di emergenza nella capitale, per permettere alle forze dell’ordine di avere maggiore possibilità di azione.

I dimostranti sperano di coinvolgere il potente esercito, in un Paese che ha avuto 18 colpi di Stato.

Leader della protesta è l’ex vicepremier Suthep Thaugsuban, che ha portato in piazza la lotta politica del Partito democratico all’opposizione.