ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giochi olimpici europei, Baku fra tradizione e modernità

Lettura in corso:

Giochi olimpici europei, Baku fra tradizione e modernità

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre 5000 atleti di 49 diversi Paesi saranno i protagonisti nell’estate del 2015 dei Giochi olimpici europei, in programma a Baku, capitale dell’Azerbaijan. Andiamo a scoprire il logo della manifestazione.

“Il logo è uno degli elementi chiave, è un messaggio importante che abbiamo per farci scoprire dall’Europa e dai suoi tifosi, che attendono l’inaugurazione dei Giochi olimpici europei”, ha detto Azad Rahimov, Ministro dello Sport azero

Anche il Presidente del Comitato Olimpico Europeo, Patrick Hickey, concorda con l’importanza del logo. “E’ un logo pieno di vitalità, di colore, di azione, con un’immagine molto giovane. Credo che attrarrà molti ragazzi, non solo azeri, ma di tutta Europa”

Il logo di Baku 2015 comprende cinque elementi che integrano storia e contemporaneità dell’Azerbaijan: un tappeto, una fiamma, un’onda il mitico uccello Simurgh e il melograno.

“Abbiamo già scritto il nostro nome nella storia dello sport dell’Azerbaijan. Ora con questo logo faremo parte della storia europea dello sport”, ha spiegato Farid Mansurov, medaglia d’oro nella lotta greco-romana ad Atene 2004.

Per i tifosi di calcio, il logo di Baku 2015 diventerà molto comune, visto che da questo fine settimana comparirà fino al termine della stagione, sulle maglie dell’Atletico Madrid, formazione protagonista nella Liga.

“Sono certo che questi Giochi spingeranno tanti giovani allo sport e porteranno lo spirito olimpico in tutta Europa”, ha detto l’attaccante dei ‘Colchoneros’ David Villa.

“Sono contento che Baku ospiterà i primi Giochi olimpici europei, che uniranno i popoli attraverso lo sport”, il parere di Arda Turan. Il logo e le infrastrutture spingeranno i Giochi del 2015, nella creazione di uno spirito sportivo Europeo

“Facciamo parte della società europea e il processo di integrazione non è solo una questione politica ma anche culturale. E lo sport è una parte fondamentale della cultura”, la conclusione del Ministro Rahimov.