ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"L'opera come rivoluzione". Joyce DiDonato, ambasciatrice di emozioni

Lettura in corso:

"L'opera come rivoluzione". Joyce DiDonato, ambasciatrice di emozioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Joyce DiDonato, mezzosoprano americano definito dal New York Times la “perfetta diva del XXI secolo”, di recente ha concluso trionfalmente a Monte-Carlo la tournée del suo spettacolo dedicato alle grandi protagoniste dell’opera barocca.

Splendida interprete e donna lucida e intelligente, Joyce è pienamente consapevole dei tanti dilemmi del mestiere.

“Da un certo punto di vista – ci racconta – sono costretta a essere narcisista: il mio strumento è il corpo, devo pensare a riposarmi, a restare in buona salute, a far sì che quando salgo sul palcoscenico di fronte a chi ha pagato un biglietto io sia al meglio della forma. Dopodiché devo liberarmi di tutto ciò e rendermi conto che l’atto di cantare non c’entra nulla col mio ego”.

“Il mio lavoro è comunicare musica, non è farmi adorare dai fans o rassicurarmi di essere amata – continua Joyce DiDonato -. Se riesco a non farne una questione personale, ho notato che è allora che per il pubblico l’emozione è maggiore e l’esperienza più arricchente”.

Convinta sostenitrice dei social networks, Joyce DiDonato offre alle stelle dell’opera di domani le sue idee sul mestiere di cantante.

“Il mio obiettivo è sempre stato di far passare un’emozione – dice – , ferma restando la tecnica, che deve essere più che sicura. Questo significa permettermi di prendere qualche rischio sul palcoscenico, a costo di non essere vocalmente ineccepibile”.

“Secondo me, questa è la scommessa – prosegue Joyce DiDonato -: bisogna far proprio tutto quel che c‘è da imparare, e poi avere il coraggio di vivere e sporcarsi le mani! Bisogna coniugare tutta quella stupenda preparazione con il mondo reale, duro ma vero… Parlavo di ‘sporcarsi le mani’ perché l’opera è torbida, l’opera è una cosa viva, fatta di sangue e passione! E noi dobbiamo metterci dentro le mani senza voler restare a tutti i costi perfetti. Per cui l’opera è la lotta fra due mondi contrastanti: passione e musicalità suprema”.

Contrariamente a tanti addetti ai lavori, Joyce è convinta che l’opera possa contare, potenzialmente, su un enorme pubblico tra le nuove generazioni – ma a certe condizioni.

“Noi cantanti d’opera siamo portatori di una rivoluzione – ci dice – ma dobbiamo presentare questo ‘prodotto’ allo stato più puro! E questo significa grandi, sublimi, prestazioni canore, travolgenti emozioni, messe in scena spettacolari… ma senza scusarsi, e dobbiamo dire: ‘non avete idea di quel che vi state perdendo!’”.

Negli estratti del servizio Joyce DiDonato è accompagnata dal “Complesso barocco”. Fra i brani eseguiti:

“Piangerò la sorte mia”, Georg Friedrich Haendel;
“Da torbida procella” e “Col versar, barbaro, il sangue”, Giuseppe Maria Orlandini;
“Lasciami piangere”, Keiser;
“Madre diletta, abbracciami”, Giovanni Porta

Fra i CD più recenti di Joyce DiDonato: “Drama Queens” (Virgin Classics) e il doppio album dei suoi più grandi successi, “ReJoyce” (Erato/Warner Classics).

Ulteriori estratti della nostra intervista al mezzosoprano americano Joyce DiDonato sono disponibili, in inglese, al seguente link:
Joyce DiDonato, much more than a Yankee Diva