ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Alla conquista di nuovi mondi. Ecco i cadetti spaziali dell'ESA

Lettura in corso:

Alla conquista di nuovi mondi. Ecco i cadetti spaziali dell'ESA

Dimensioni di testo Aa Aa

Giovani ingegneri di talento. Con un lavoro un pò fuori dal mondo reale. Sono i cadetti spaziali: la nuova generazione di professionisti che ha saputo trasformare il sogno di lavorare nello spazio in realtà. I ricercatori dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea, in comune hanno una grande opportunità: affrontare ogni giorno nuove sfide scientifiche, grazie a progetti di ricerca tra i più innovativi.

Dall’Austria, alla Spagna, fino alla Finlandia.Obiettivo dei cadetti spaziali: espolorare il nostro sistema solare. C‘è chi si occupa di progettare un robot come Mars Rover o di controllare un satellite. Chi fa ricerca per l’Artico, chi analizza le condizioni dello spazio e chi all’interno di un sosfiticato laboratorio ha l’opportunità di costruire nuovi strumenti spaziali.

I tre protagonisti di questa puntata di Space, Maria Komu, Maria, Marc Costa Sitjà e Abbie Hutty hanno grandi responsabilità sul lavoro. Maria lavora su un mini satellite finlandese e su strumenti meteo per la missione “ExoMars” dell’ESA, Abbie sta sviluppando la struttura del Rover per questa missione, e Marc sta valutando il funzionamento del satellite Venus Express.

Giornate di lavoro faticose ma gratificanti. Test, verifiche, aggiornamenti dei dati al computer e lavori manuali di grande precisione. E a volte qualche piccolo intoppo.

Lavorare nell’industria spaziale richiede abilità, concentrazione ma anche tanta dedizione. Mai perdersi d’animo. Avere sempre i piedi ben saldi sulla terra e lo sguardo rivolto verso il cielo. Alla scoperta di nuovi mondi.

Per maggiori informazioni sulle opportunità di carriera consultate il sito dell’ESA:
www.esa.int/About_Us/Careers_at_ESA
www.esa.int/ita/ESA_in_your_country/Italy‎