ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

All'Hoffenheim ci si allena con la tecnologia Sap

Lettura in corso:

All'Hoffenheim ci si allena con la tecnologia Sap

Dimensioni di testo Aa Aa

“Il calcio è dubbio costante e decisione rapida”, diceva Osvaldo Soriano. Una definizione romantica, che può essere però applicata anche a una visione scientifica del gioco più amato del mondo. Come fanno nella squadra tedesca dell’Hoffenheim, dove ogni movimento dei calciatori viene minuziosamente analizzato.

Un lavoro frutto di una partnership con la Sap. Lo spiega Bernd Leukert, direttore per le applicazioni innovative della società tecnologica: “Il sensore viene piazzato da qualche parte sul corpo del giocatore o nella scarpa, sul parastinchi, nella maglietta. Poi trasmette i dati in tempo reale al database Hana, attraverso un trasmettitore ponte che si trova in prossimità del campo, in tal modo l’impatto delle onde sui giocatori è minimo”.

I dati vengono trasmessi dal campo di gioco a una regia dove lo svolgimento dell’allentamento viene visualizzato come una sorta di videogioco. Li si utilizza per personalizzare gli allenamenti, individuando i punti di debolezza e di forza di ogni singolo giocatore.

“Ciò rafforza – dice l’allenatore Julian Nagelsmann – quello che percepisco in maniera soggettiva, ma mi dà anche qualcosa che non posso percepire. Per esempio, se voglio misurare il tempo tra il recupero del pallone e l’arrivo in porta, come allenatore posso dire che è relativamente veloce o troppo lungo. Ma se ho una media di tutti i dati dell’allenamento, posso ricavarne conclusioni da utilizzare negli allenamenti della settimana successiva, per lavorare in modo specifico”.

La tecnologia applicata allo sport non si ferma qui, all’Hoffenheim. Il preparatore atletico ha da poco sperimentato, per la prima volta, i Google glass, gli occhiali di Google, per misurare l’esatta velocità di un giocatore. E verificarne le prestazioni su un tablet.