ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Greenpeace, Russia vuole prolungare la detenzione degli attivisti


Federazione russa

Greenpeace, Russia vuole prolungare la detenzione degli attivisti

La liberazione, per i 30 attivisti di Greenpeace detenuti a San Pietroburgo, doveva essere ormai vicina. I termini della custodia preventiva scadono il 24 di novembre. E invece potrebbero restare in carcere per altri tre mesi.

È quanto sostiene la portavoce dell’organizzazione ambientalista in Russia, Tatiana Vasilieva, secondo la quale il comitato investigativo esaminerà l’ipotesi di estensione della detenzione la prossima settimana.

Una nuova grana per i 30, tra i quali l’italiano Christian D’Alessandro, accusati di teppismo per l’assalto a una piattaforma offshore della Gazprom.

Dalla loro hanno il moltiplicarsi di iniziative internazionali di solidarietà. Come la manifestazione di venerdì a Parigi, durante la quale l’attrice Marion Cotillard, il regista Costa Gavras ed ex ministri dell’Ambiente, tra gli altri, si sono chiusi in gabbia per chiedere che gli attivisti escano dalle loro.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Russia, Olimpiadi: nuovo decreto stabilisce più vincoli per visitatori