ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le nuove applicazioni per smartphone dedicate alle donne

Lettura in corso:

Le nuove applicazioni per smartphone dedicate alle donne

Dimensioni di testo Aa Aa

New Delhi ha il triste primato di essere la capitale degli stupri in India.
Per salvaguardarsi molte donne stanno ricorrendo ai mezzi tecnologici, usando applicazioni per smartphone e GPS per poter lanciare l’allarme in caso di pericolo.

Soniya Rana, per recarsi al lavoro usa il taxi e attiva sul suo smartphone un’applicazione denominata “ICE ALERT”, già in uso in molti altri paesi. Quando utilizzato il sistema invia un “SOS”. Un’altra applicazione invece permette alle famiglie di seguire gli spostamenti.

“Ho già aggiornato il sistema con il numero di mio padre – dice Soniya Rana – Così appena salgo sul taxi anche se è l’una di notte, mio padre sa che sono in macchina e ogni quindici minuti puó localizzare es eguire in modo dettagliato il mio percorso”.

Sul mercato indiano esistono una serie di applicazioni gratuite rivolte alle donne. La società Telerik India ha progettato un software che può essere utilizzato in situazioni di emergenza. In caso di rischio con l’applicazione “SafeBridge” si preme il pulsante “Help Me” e viene immediatamente inviato un messaggio, con l’esatta latitudine e longitudine, ai numeri di emergenza preimpostati sul telefono.

“In caso di difficoltà – spiega Abhishek Kant, di Telerik India – è semplice usare questo pulsante.
Una volta premuto “invio”, l’ Sms raggiunge il contatto che avevi preimpostato. In situazioni di pericolo è difficile chiamare. L’invio dell’Sms è piú discreto”.

Un nuovo passo per combattere l’emergenza In India.
Un vero allarme tenuto conto che rispetto al 1971 gli stupri sono aumentati almeno del 760%.

Spostiamoci ora in Germania dove un’altra applicazione per Smartphone è indirizzata alle donne, ma in un campo totalmente diverso.
Il software denominato “Babywatch” permette alla neo-mamma di sentire in qualsiasi momento della giornata il battito del proprio bimbo già durante la gravidanza.

“Le donne – spiega Urska Srsen, ideatrice dell’applicazione – possono connettersi direttamente al feto con il proprio telefono cellulare e usare il dispositivo utilizzando le istruzioni della applicazione. Un nuovo modo di vivere la gravidanza, come ad esempio registrare il battito del piccolo e condividerlo con i propri famigliari. Nell’applicazione devi inserire tutti i dati sulla gravidanza per monitorarne cosí il decorso”.

Con la nuova tecnologia si possono condividere le emozioni anche a grande distanza. Il battito del bimbo una volta registrato puó essere inviato per mail o caricato in “data cloud”.

Susanne Wengenmeier è in attesa del secondo figlio e sta sperimentado il dispositivo.

“Nello studio del medico – dice Susanne Wengenmeier – si puó sentire il bimbo solo per una decina di secondi. Con questo dispositivo puoi starci per ore e sentire il momento in cui si muove. È bellissimo anche per i padri. So già che mio marito ne farà grande uso. Per gli uomini fino a che il bambino non è nato è difficile relazionarsi. Ora credo che userà il dispositivo tutte le sere”.

Gli inventori dell’applicazione sperano che in futuro saranno gli stessi dottori ad utilizzarla, per controllare a distanza i battiti dei bimbi.