ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cinema: prima al festival di Roma del film "Her"

Lettura in corso:

Cinema: prima al festival di Roma del film "Her"

Dimensioni di testo Aa Aa

Splendidamente conturbante a riconferma del giudizio della rivista Esquire che l’ha definita la donna piú sexy del momento, Scarlett Johansson ha calcalato il tappeto rosso del Festival del cinema di Roma.
L’occasione è stata la presentazione domenica della prima di “Her”.

L’atteso film di Spike Jonze non ha deluso. Il regista ci immerge nella vita di uno scrittore che per lavoro inventa e detta lettere per conto di altri. Il protagonista acquista un sistema operativo, che con la voce di Samantha, interpretata da Scarlett Johansson è in grado di dialogare con lui a più livelli. Lo scrittore inizia una relazione irreale e proprio per questo perfetta.

“Recitare in questo ruolo – dice Scarlett Johansson – è stato stimolante e al tempo stesso liberatorio. Nel senso che non avevo nessun tipo di limitazione, una sorta di giudizio che pende su di te ad ogni nuovo film. Per anni e anni lavori per liberarti e per sentirti a tuo agio con il tuo corpo anche in modo inconsapevole. Qui invece ero confinata dentro una piccola scatola”.

La voce di Samantha seduce il protagonista fino al punto di non riuscire piú a restare senza nemmeno per un minuto.

A tratti drammatica a volte romantica e divertente, la pellicola si trasforma in una riflessione sulle relazioni nell’epoca della tecnologia.

Accolto con ottime critiche l’attore Joaquin Phoenix,
si è confrontato nelle riprese soprattutto con una “voce”.

“Scarlett ed io – dice Joaquin Phoenix – recitavamo nella stessa stanza ma lei era in una scatola insonorizzata e potevo vederla dalla finestra”.

Nel film è presente anche la vita reale, rappresentata dalla moglie da cui il protagonista sta divorziando.

Interpretata da una Rooney Mara, infelice e stressata, emerge con forza la distanza dalla seducente Samantha.
Impalpabile ma avvolgente.