ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'arte camaleontica di Liu Bolin sbarca a Caracas

Lettura in corso:

L'arte camaleontica di Liu Bolin sbarca a Caracas

Dimensioni di testo Aa Aa

Famoso come “l’uomo invisibile” l’artista cinese Liu Bolin è sbarcato per la prima volta in Venezuela.

Liu è conosciuto a livello internazionale per la tecnica di pittura in cui ricopre se stesso e altri soggetti in una fusione unica del corpo con l’area circostante.

La sua arte si esprime senza soluzione di continuità nei paesaggi di alcune delle città più famose del mondo.

Le performance avvengono senza magia o tecnologia.

“Quando sono arrivato in Venezuela – racconta Liu – mi sono accorto che la macchina con cui stavo viaggiando era blindata. Da lí mi è venuta l’ispirazione per raccontare la violenza presente nel paese”.

Per raccontare la criminalità di Caracas, Liu, ha preparato una performance in cui i soggetti dipinti rappresentano un bersaglio.

Ma l’ispirazione è arrivata anche dalla vita quotidiana, quando in un supermercato della capitale è rimasto colpito dai prezzi ad esempio di una semplice bottiglia di acqua.
Il problema dell’inflazione viene rappresentata con un disegno di una moneta

“Sono andato al supermercato – prosegue l’artista cinese – e ho capito il problema dell’inflazione che preoccupa i venezuelani. Cosí mi è venuta l’idea della perfomance utlizzando la moneta, in modo da riflettere il rapporto tra denaro e i cittadini. L’altra installazione è incentrata sulla farina di mais. È un prodotto che scarseggia in Venezuela e che la gente cerca. Ed è quello che volevo esprimere nel mio lavoro”.

Recentemente Bolin ha realizzato una performance nel teatro di Pechino, dove si è mimitizzato tra le poltrone della sala.
La sua tecnica era nata come forma di protesta contro la demolizione nel 2005 da parte delle autorità cinesi di un intero quartiere di artisti a Pechino.

Ma poi l’arte di Liu Bolin ha cominciato a girare il mondo.