ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Governo ellenico salvo, bocciata mozione sfiducia della sinistra

Lettura in corso:

Governo ellenico salvo, bocciata mozione sfiducia della sinistra

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo di coalizione ellenico è salvo. La mozione di sfiducia presentata dalla sinistra radicale di Syriza è stata bocciata dal Parlamento di Atene durante la notte. 153 deputati sui 300 dell’assemblea hanno votato contro la mozione. Il Primo Ministro Antonis Samaras:

“La sinistra è in un vicolo cieco. Il Paese va avanti, si lascerà alle spalle l’epoca della crisi e la sinistra continuerà a combattere una lotta interna al partito” ha detto dopo la votazione.

La sfiducia era stata richiesta giovedì dopo che la polizia aveva sgomberato i locali della televisione di Stato, chiusa in giugno con il licenziamento di quasi 3.000 persone.

“La vostra polizia ha distrutto il Paese. La maggioranza delle persone soffre e vive nella disperazione” ha ribattuto il leader di Syriza, Alexis Tsipras.

A votare contro la mozione di sfiducia quasi tutti i deputati della maggioranza. Un parlamentare del Pasok, il partito socialista, che ha appoggiato la sfiducia è stato radiato dal partito.

I dipendenti della Ert, la tv pubblica, fanno parte degli oltre 4.000 impiegati dello Stato che il governo si è impegnato a licenziare entro fine anno difronte alla troika composta da Unione Europea, Banca Centrale Europea e Fondo Monetario Internazionale.

La nostra corrispondente ad Atene Nikoletta Kritikou: “Alla fine il governo ha superato questo cruciale voto di fiducia con la spada di Damocle dei negoziati con la troika. Molti sono stati tuttavia i deputati che hanno duramente crticato il governo sottolineando che il loro è stato, più che una fiducia, un voto di tolleranza”.