ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Trenta flessioni per un biglietto della metro: Mosca si prepara così alle Olimpiadi

Lettura in corso:

Trenta flessioni per un biglietto della metro: Mosca si prepara così alle Olimpiadi

Dimensioni di testo Aa Aa

Niente più rubli, ma esercizio fisico: per ottenere un biglietto della metropolitana gratis, nella Russia pre-Olimpiadi occorre fare trenta flessioni sulle gambe. Anche così ci si prepara a Mosca per i giochi in programma a Sochi il prossimo febbraio. Per conquistare il viaggio gratis basta posizionarsi davanti all’apposito distributore allestito in una stazione della metro della capitale dal Comitato Olimpico, che ha promosso l’iniziativa, presentandola insieme ai suoi campioni: “Quando il Comitato Olimpico russo ha sviluppato questo progetto – dice la campionessa di nuoto sincronizzato Maria Kisele -, volevamo mostrare che tutti fanno parte del movimento olimpico, dei Giochi Olimpici, degli ideali olimpici”.

Il distributore assomiglia a quelli tradizionali. E come loro, non perdona. Gli atleti della metro hanno due minuti di tempo per fare le trenta flessioni, non una di meno, davanti alla macchina, provvista di un apposito sensore. “Se ti impegni davvero – dice un abitante di Mosca -, puoi anche arrivare a fare abbastanza flessioni da ottenere un abbonamento mensile, o annuale. Dunque, perché non provare?”.

L’iniziativa del Comitato Olimpico permette di risparmiare e anche di riscaldarsi. Ma non durerà per sempre. Dopo il 30 dicembre si tornerà a pagare. Sempre 30, ma rubli.