ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mais Ogm, la Commissione Ue rilancia la proposta di coltivazione

Lettura in corso:

Mais Ogm, la Commissione Ue rilancia la proposta di coltivazione

Dimensioni di testo Aa Aa

Bruxelles torna all’attacco sugli Ogm La Commissione europea ha riaperto la procedura di autorizzazione per la coltivazione del mais transgenico TC1507, commercializzato dalla Pioneer.

Condanna assoluta dal mondo delle associazioni, prima tra tutte Green Peace, contro quella che viene definita un’azione irresponsabile.
“Crediamo che la Commissione stia agendo in modo irresponsabile, promuovendo l’autorizzazione di una coltivazione che ha già avuto impatti negativi su molti insetti, tra cui farfalle e falene, di cui non si conoscono ancora gli effetti sull’impollinazione delle api e e che incoraggerà l’uso di un particolare tipo di disserbante molto tossico, al punto da essere in fase di rimozione dal mercato europeo” ha affermato Marco Contiero di Green Peace.

A sollecitare la Commissione è stata la Corte di Giustizia europea intervenuta contro Bruxelles non aver dato seguito alla richiesta di coltivazione del mais Ogm presentata nel 2001 dalla Pioneer.

L’esecutivo europeo ribadisce: proposta vuole garantire la liberta degli stati membri di decidere automamente se coltivare o meno gli Ogm. Il Commissario alla Salute Tonio Borg afferma:“Con questa proposta vogliamo fare in modo che gli stati decidano autonomamente se procedere alla restrizione delle coltivazioni di mais ogm sulla base di motivi diversi dai rischi per la salute o per l’ambiente”.