ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Cina corre ai ripari per l'inquinamento

Lettura in corso:

La Cina corre ai ripari per l'inquinamento

Dimensioni di testo Aa Aa

Scuole chiuse in caso di allerta, orario di lavoro ridotto, oltre a tutte le altre precauzioni necessarie. La Cina cerca di correre ai ripari per l’inquinamento dell’aria. Ad aggravare una situazione già difficile, la notizia della morte di una bimba di otto anni, uccisa – secondo i medici – dalle polveri sottili respirate nella trafficata strada in cui abitava quella che è diventata la più giovane vittima di cancro ai polmoni del Paese.

I provvedimenti sono stati decisi dal ministero della protezione ambientale di Pechino, che stabilisce altre misure, soprattutto in vista dell’aumento di consumo di carbone durante i mesi invernali. Il cancro ai polmoni è una delle cause di morte più frequenti in Cina. Secondo alcune statistiche, solo a Pechino tra il 2001 e il 2010 i decessi sono aumentati del 56 percento.

Nella capitale, lo smog diventa anche una minaccia alla sicurezza nazionale poiché rende quasi impossibile il lavoro delle telecamere di sorveglianza.