ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Arafat, gli esperti: "Troppo polonio nelle ossa"

Lettura in corso:

Arafat, gli esperti: "Troppo polonio nelle ossa"

Dimensioni di testo Aa Aa

Arafat potrebbe essere stato avvelenato. I risultati delle analisi condotte sul corpo del leader palestinese, morto nel 2004, “supportano moderatamente” la tesi dell’omicidio. I dieci esperti svizzeri che hanno elaborato i dati rilevano una presenza di polonio 20 volte superiore al normale. La vedova non ha dubbi, si è trattato di un “omicidio politico”:

“Il veleno deve essere stato messo nel suo thé, nel caffé o nell’acqua – afferma Souha Arafat – qualcuno che gli era vicino deve averglielo dato. È scomodo dubitare, ma deve essere qualcuno del suo entourage”.

Dal rapporto sulla malattia di Arafat elaborato dal gruppo di esperti, emerge come fino al 12 ottobre 2004, il leader palestinese fosse in buona saluta quando, dopo un pasto, sopraggiunse la crisi. Il peggioramento delle condizioni lo obbligherà a lasciare Ramallah il 29 ottobre, alla volta dell’ospedale militare di Percy, vicino a Parigi. Poi il coma e la morte l’11 novembre, all’età di 75 anni.