ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ricostruzione dell'Aquila, l'Italia sotto esame a Bruxelles

Lettura in corso:

Ricostruzione dell'Aquila, l'Italia sotto esame a Bruxelles

Dimensioni di testo Aa Aa

Costi gonfiati, materiali scadenti, infiltrazioni mafiose. L’Italia rischia di pagare un prezzo salato per come ha gestito la costruzione degli alloggi per gli sfollati dell’Aquila.

A dirlo è il danese Soren Sondergaard, membro della Commissione di controllo del Bilancio al Parlamentio europeo. Il rapporto che ha redatto a conclusione di tre anni di indagini mostra non poche negligenze nel modo in cui il governo italiano ha impiegato i fondi comunitari, dopo il terremoto del 6 aprile 2009 che causò 309 vittime. Ogni appartamento è costato il 158% in più rispetto al valore di mercato. E parte del lavoro è stata data in subappalto a ditte con legami diretti o indiretti alla criminalità organizzata.

Inoltre, le normative comunitarie prevedono che i finanziamenti di Bruxelles non debbano generare reddito. Ma se gli occupanti delle nuove costruzioni dovranno pagare l’affitto, come è stato previsto, l’Italia dovrà restituire 350 milioni dei 494 ricevuti dopo il sisma.

Il dossier sarà discusso giovedì al Parlamento europeo.