ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sospetti di appropriazione indebita sulla Silicon Valley russa

Lettura in corso:

Sospetti di appropriazione indebita sulla Silicon Valley russa

Dimensioni di testo Aa Aa

Un’ombra si staglia sulla “Silicon Valley russa”.

La notizia ha attraversato come una freccia gli stand dell’Open Innovations Forum di Mosca: la procura generale punta i suoi riflettori su Skolkovo, il polo d’innovazione e ricerca voluto dal primo ministro Medvedev.

I sospetti, appropriazione indebita per 3 miliardi di euro, sono scaturiti dopo l’individuazione di “gravi violazioni” presso il fondo presieduto dal miliardario Viktor Vekselberg.

Il vice ministro russo allo Sviluppo economico Oleg Fomichev, però, minimizza: “Per quel che ne so, a fine estate gli inquirenti avevano detto di aver trovato un certo numero di violazioni, ma erano violazioni, diciamo, non di natura penale. Erano legate al fatto che i sistemi aziendali interni della Fondazione Skolkovo Foundation sono stati impostati male”.

“Ecco perché tutto il denaro erogato senza i necessari documenti, come le sovvenzioni per i progetti innovativi, è finito sotto la lente degli inquirenti. Volevano capire se questi soldi sono stati spesi in maniera non efficiente o addirittura sprecati”, conclude Fomichev.

Ancora non è chiaro, però, se sia stata aperta un’indagine formale.

Il comunicato della procura parla di “fondi trasferiti senza controlli o obiettivi specifici”, di “17 sovvenzioni erogate senza il benestare degli esperti” e addirittura di “tre casi in cui i membri della commissione avevano interessi personali”.