ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fumo: a New York "no smoking" prima dei 21 anni

Lettura in corso:

Fumo: a New York "no smoking" prima dei 21 anni

Dimensioni di testo Aa Aa

Nuova misura nella battaglia anti-fumo del comune di New York: l’età minima per l’acquisto di sigarette passerà da 18 a 21 anni. Il consiglio municipale della città statunitense ha votato a favore del provvedimento che dovrà essere firmato dal sindaco Michael Bloomberg entro 30 giorni per poter entrare in vigore fra sei mesi.

Bloomberg ha fatto della lotta al tabagismo una priorità dei suoi mandati (il terzo e ultimo sta per scadere, visto che il 5 novembre si terranno le elezioni che decideranno il suo successore).
Il primo provvedimento risale al 2002 quando Bloomberg ha ordinato il divieto di fumo nei bar e nei ristoranti. Nel 2011 il fumo è stato proibito anche nei parchi pubblici e in spiaggia.

New York è la prima grande città statunitense ad aumentare l’età minima per l’acquisto di sigarette a 21 anni. La misura ha l’obiettivo di ridurre di due terzi il numero di fumatori adolescenti (14-17 anni) e di dimezzare quello di giovani tra i 18 e i 20 anni. Attualmente a New York 19 mila studenti under 18 fanno uso di tabacco e ben l’80% dei fumatori comincia prima dei 21 anni, secondo il dipartimento della Salute della città più popolosa degli States.

Per quanto riguarda l’Europa, l’UE non ha la competenza legislativa per disciplinare in materia. Tra gli Stati membri l’età minima per l’acquisto di sigarette è di 16 o di 18 anni. In Italia, solo di recente è stato introdotto il divieto di vendita ai minori di 18 anni, e non più di 16. In caso di violazione della legge, l’esercente rischia una multa tra i 250 e i mille euro. In caso di recidiva, la sanzione sale a una somma compresa tra i 500 e i 2000 euro, fino alla sospensione della licenza per tre mesi.