ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Olimpiadi di Sochi: benvenuti anche i gay, per Putin

Lettura in corso:

Olimpiadi di Sochi: benvenuti anche i gay, per Putin

Dimensioni di testo Aa Aa

Nessuna discriminazione in Russia, e tantomeno avranno problemi gli atleti gay durante i Giochi Olimpici invernali di Soci del prossimo anno: è Vladimir Putin a garantirlo. Il Presidente russo ha incontrato Tomas Bach, a capo del Comitato Olimpico Internazionale, e ha voluto allontanare le critiche piovute sulla Russia dopo l’adozione di una legge contro la propaganda omosessuale.

“Stiamo facendo ogni cosa, sia gli organizzatori sia atleti e pubblico, perché i partecipanti e gli ospiti si sentano a loro agio a Soci, indipendentemente dalla loro nazionalità, razza od orientamento sessuale”, ha detto Putin.

La legge approvata quest’anno in Russia prevede pesanti multe per chiunque promuova “relazioni sessuali non tradizionali” di fronte a un pubblico minorenne. Alcuni gruppi omosessuali in Occidente hanno invitato Paesi ed atleti a boicottare i Giochi, ma l’invito non sembra aver guadagnato grandi consensi. A Soci, il presidente del Comitato Olimpico non si è espresso sulla questione, limitandosi ad alcune considerazioni sull’andamento dei lavori per le Olimpiadi.