ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Madagascar: dopo il primo turno delle presidenziali probabile il ballottaggio

Lettura in corso:

Madagascar: dopo il primo turno delle presidenziali probabile il ballottaggio

Dimensioni di testo Aa Aa

Primo turno delle presidenziali in Magadascar finito senza casi d’intimidazione. Quasi otto milioni di persone si sono recate al voto, con il quale il Paese spera di porre fine alla crisi economica e politica che vive dal colpo di Stato del 2009. Quattro milioni sono a rischio carestia.

Dei 33 candidati nessuno dovrebbe farcela al primo tentativo, è quindi molto probabile il ballottaggio a dicembre. Trasparente e credibile, così gli osservatori dell’Unione Europea hanno definito il voto. Segnalati solo alcuni problemi d’iscrizione sulle liste elettorali.
Non è stato autorizzato a candidarsi il presidente ad interim, Andry Rajoelina. Ma sono considerati a lui vicini due candidati, tra cui l’ex ministro delle finanze Hery Rajaninarimampianina.

“La crisi dura da troppo tempo. E’ troppo. Ora dobbiamo avere un presidente eletto”, dice un votante.

L’economia del Paese è stremata anche per le sanzioni internazionali imposte dopo il colpo di Stato di quattro anni fa con il quale Rajoelina, 39 anni, ex dj, era salito al potere destituendo Marc Ravalomanana, che da allora si trova in Sudafrica. Quest’ultimo sostiene tra i candidati Jean Louis Robinson, suo ex ministro.