ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia: incriminati il figlio di Gheddafi e numerosi ex collaboratori del Colonnello

Lettura in corso:

Libia: incriminati il figlio di Gheddafi e numerosi ex collaboratori del Colonnello

Dimensioni di testo Aa Aa

Incriminati da un tribunale di Tripoli per reati commessi durante la rivoluzione del 2011, il figlio di Muammar Gheddafi, Saif al-Islam, l’ex capo dei servizi segreti Abdullah al-Senussi, e l’allora primo ministro al-Baghdadi al-Mahmudi.

Insieme ad una trentina di ex collaboratori del Colonnello sono stati rinviati a giudizio davanti ad una corte penale.

Il portavoce dell’ufficio del procuratore al-Seddik al-Sur ha ricordato la “decisione storica” della Corte Penale Internazionale di autorizzare la Libia a processare al-Senoussi, il quale ha presentato ricorso.

Le accuse includono omicidio, sequestro di persona, incitamento e concorso nello stupro, saccheggio e attentato all’unità nazionale.

Amnesty International e diverse organizzazioni per la difesa dei diritti dell’uomo hanno contestato la possibilità di avere un equo processo in Libia. Un Paese che, in preda all’anarchia e alle violenze fra fazioni rivali, con la Cirenaica che si è dichiarata indipendente e si è data un governo autonomo, ha celebrato in un clima sommesso il secondo anniversario della liberazione.