ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Parlamento greco lascia a secco Alba Dorata

Lettura in corso:

Il Parlamento greco lascia a secco Alba Dorata

Dimensioni di testo Aa Aa

Rubinetti chiusi per Alba Dorata. Il Parlamento greco ha votato la sospensione del finanziamento pubblico al partito neonazista. Il testo è stato approvato con 235 voti favorevoli su 300, con il consenso sia dei partiti di governo Nea Dimokratia e Pasok, che delle opposizioni di sinistra.

Nelle fila del movimento di estrema destra ci sono sei deputati accusati di costituzione di banda criminale, tra i quali il leader Nikos Mihaloliàkos, arrestato il 28 settembre e tuttora in carcere.

La lotta contro il partito xenofobo si è inasprita dopo l’omicidio del rapper Pavlos Fyssas, conosciuto con il nome d’arte Killah P, noto per le sue posizioni anti-fasciste e assassinato da un dichiarato sostenitore di Alba Dorata.

“La Repubblica greca ha bisogno di un piano concreto contro Alba Dorata. Un piano che non preveda soltanto disposizioni legali, ma soprattutto politiche” sostiene Nikos Tsoukalis, deputato del Partito della sinistra democratica.

I deputati di Alba Dorata hanno bollato come anticostituzionale la decisione del Parlamento, abbandonando l’aula alla fine del dibattito.

Il corrispondente di euronews Stamatis Giannisis sottolinea che “la preoccupazione principale per il sistema politico greco resta il fatto che l’estrema destra è ancora data al terzo posto nelle preferenze di voto degli ultimi sondaggi”.