ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Grecia: stop ai finanziamenti pubblici ad Alba Dorata


Grecia

Grecia: stop ai finanziamenti pubblici ad Alba Dorata

Niente soldi pubblici ai neonazisti. Il Parlamento greco ha approvato ieri la norma che impedisce ad Alba Dorata di accedere al finanziamento destinato ai partiti politici.

La sospensione dei versamenti scatta infatti per le formazioni che abbiano i propri dirigenti o un decimo dei propri deputati accusati di “atti di terrorismo”. Il segretario generale di Alba Dorata e due deputati sono stati incriminati per partecipazione a un’organizzazione criminale.

Contro la norma, approvata con il voto del governo e delle opposizioni di sinistra, si sono scagliati i deputati della formazione neonazista: “Si tratta di una norma incostituzionale e illegale”, ha tuonato Ilias Kasidiaris, uno dei 18 eletti del partito.

Ora si attende la decisione finale sulla revoca dell’immunità per i membri del partito sotto accusa. Decisione che spetta all’assemblea parlamentare che si riunirà per votare la settimana prossima.

L’inchiesta della magistratura sulle attività illegali del partito filo-nazista è stata avviata in seguito all’uccisione del rapper antifascista Pavlos Fyssas avvenuta ad Atene il 17 settembre scorso per mano di Georgios Roupakias, un militante di Alba Dorata reo confesso.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo

mondo

Apple-Nokia, la sfida dei tablet