ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In Irlanda spunta un'altra 'Maria', in Grecia indagine sui certificati di nascita

Lettura in corso:

In Irlanda spunta un'altra 'Maria', in Grecia indagine sui certificati di nascita

Dimensioni di testo Aa Aa

Dublino rivive il mistero di Maria, la bimba bionda trovata la scorsa settimana in un campo rom in Grecia.

La polizia irlandese ha portato via a una famiglia rom residente nel sobborgo di Tallaght una bambina di 7 anni.

La coppia afferma che la bimba sia la loro figlia naturale, ma gli occhi azzurri e i capelli biondi hanno insospettito la Garda che ne ha disposto l’affidamento ai servizi sociali.

La stessa sorte che è toccata alla piccola trovata in un campo rom vicino Farsala, a nord di Atene. Maria non è nell’elenco Interpol dei 610 bimbi scomparsi in tutto il mondo.

La polizia sospetta che la coppia di nomadi abbia acquistato la piccola in un qualche giro di traffico illegale oppure che l’abbia scambiata con qualche altra famiglia rom.

“La bambina viveva bene qui – sostiene una donna di etnia rom che vive nel campo di Farsala – Certo, la falsa madre l’ha comprata. Ma se qualcuno non ha figli, li compra per adottarli, le cose funzionano così. Questa donna ha preso questa bambina per allevarla. La madre che l’ha venduta forse era povera. Avrà avuto i suoi problemi e l’ha voluta dare a una buona famiglia”.

Il sindaco di Atene ha sospeso 4 dipendenti per aver alterato i registri comunali. Avevano prodotto stati di famiglia falsi in cui la coppia risultava avere 6 bambini nati in 10 mesi. Christos e Selini Salis registravano anche nascite di bambini inesistenti per poter ottenere benefici.