ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Regno Unito punta sul nucleare, investitori stranieri per nuova centrale

Lettura in corso:

Il Regno Unito punta sul nucleare, investitori stranieri per nuova centrale

Dimensioni di testo Aa Aa

La Gran Bretagna riprende la strada del nucleare. Sarà costruito dalla francese Edf il primo impianto a sorgere sul suolo britannico dal 1995.

Un’operazione da 19 miliardi di euro che vedrà la partecipazione di partner cinesi: Londra ha dato l’ok all’acquisto di quote anche maggioritarie.

“Ciò che è interessante è che il costo di questa centrale nucleare non peserà sulle tasche dei contribuenti britannici – ha detto il premier David Cameron – Non sottrarremo denaro pubblico alla costruzione di ferrovie, strade, ospedali o scuole. Attiriamo, invece, investitori stranieri, società francesi, aziende cinesi a venire a investire nella nostra infrastruttura. Penso che sia una buona cosa”.

L’impianto di ‘Hinkley Point C’ nel Sommerset dovrebbe essere operativo dal 2023 e garantirà per i successivi 35 anni una fornitura di energia ad un prezzo doppio rispetto a quello attuale.

Il governo di Londra annuncia che la nuova politica energetica ridurrà di quasi 90 euro all’anno il costo della bolletta in ogni famiglia britannica, ma gli ambientalisti protestano contro la costruzione della nuova centrale.

La scelta di Londra va in controtendenza rispetto alla gran parte dei paesi europei e ha sucitato le critiche anche dell’arcivescovo di Canterbury. Ma per la coalizione Tory-Libdem il tema dell’energia è diventato centrale in vista delle prossime elezioni politiche.