ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Corte di Strasburgo: incompetente sulla strage di Katyn

Lettura in corso:

Corte di Strasburgo: incompetente sulla strage di Katyn

Dimensioni di testo Aa Aa

La Corte europea dei diritti dell’uomo si è dichiarata incomptente nel caso della strage di Katyn, in Polonia.

I familiari delle vittime dell’eccidio, avvenuto nel 1940, chiedevano una condanna della Russia.

Pur sanzionando la mancanza di cooperazione giudiziaria da parte di Mosca, la Corte di Strasburgo si è dichiarata impossibilitata a deliberare su un fatto avvenuto 58 anni prima dell’entrata in vigore, in Russia, della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Mosca ha aderito al Consiglio d’Europa nel 1996, ratificando la Convenzione solo due anni dopo.

A Katyn morirono 20mila ufficiali dell’esercito polacco.

Per molti anni il massacro fu attribuito ai nazisti. Solo nel 1990 i russi riconobbero la responsabilità dell’Armata rossa e si rianimarono le vecchie tensioni russo-polacche.

Dal 2010, quando l’allora premier russo Vladimir Putin partecipò alla commemorazione per il 70° anniversario della strage, i rapporti fra le due nazioni sono migliorati.