ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lussemburgo, Juncker a caccia dle quinto mandato

Lettura in corso:

Lussemburgo, Juncker a caccia dle quinto mandato

Dimensioni di testo Aa Aa

Jean Claude Juncker prova a infilare la quinta. Dopo essere stato costretto a dimettersi a luglio, a causa dello scandalo legato ad attività di spionaggio illecite da parte dei servizi segreti, è intenzionato a ottenere il mandato da premier numero cinque.

“La mia speranza è che i risultati siano in linea con quelli delle passate elezioni e di quelle prima ancora. Vedremo stasera come gli elettori avranno distribuito i propri voti” ha dichiarato, dopo aver espresso il proprio.

Secca la sua risposta sulle ambizioni di diventare prossimo presidente della commissione europea: “ho già chiarito che non le ho. Spero che il mio futuro sia qui”.

Lo saprà a breve. Le urne sono chiuse dalle due di domenica. I risultati sono attesi in serata.

Il suo governo è caduto perché al partito cattolico di Juncker è venuto a mancare il tradizionale appoggio dei socialisti. Ma i più fieri oppositori di Juncker sono stati i liberali del Partito democratico.

Così Claude Meisch, uno dei leader della terza forza dell’ultima legislatura: “se ripenso alla campagna che abbiamo fatto nelle ultime settimane e negli ultimi mesi, credo che la gente stia davvero aspettando un cambiamento in Lussemburgo. È quello che desiderano da queste elezioni”.

Alle urne sono stati chiamati in quasi 240.000, per rinnovare un Parlamento costituito da 60 deputati.

Sandor Zsiros, inviato di euronews, ricorda che “il partito cristiano sociale di Jean Claude Juncker ha governato il Lussemburgo quasi ininterrottamente negli ultimi 60 anni. Ma questa volta, secondo gli analisti, le elezioni si preannunciano davvero sul filo di lana”.