ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Roma, 15 fermi al corteo degli antagonisti

Lettura in corso:

Roma, 15 fermi al corteo degli antagonisti

Dimensioni di testo Aa Aa

Quindici persone in stato di fermo,incidenti e scontri. Roma è rimasta in stato di allerta per l’intera giornata di sabato. Dopo un inizio pacifico, la manifestazione ha vissuto momenti di tensione quando alcuni manifestanti che hanno lanciato lacrimogeni e bombe carta contro la sede del Ministero dell’Economia sono stati caricati dalla polizia.

Giunti a Porta Pia i manifestanti hanno deciso di trascorrere la notte della Piazza.

Una giornata difficile per la capitale, preannunciata dal fermo venerdì di 14 persone, tra cui 5 stranieri espulsi, trovati in possesso di bastoni, estintori e pedardi. La polizia conferma, inoltre, il sequestro di sanpietrini, caschi e mazze trovati lungo il tragitto della manifestazione.
Serrande dei negozi situati in prossimità o all’interno del perimetro del corteo abbassate e oltre 4000 gli agenti in tenuta anti sommossa a pattugliare il corteo. Dalla questura anche l’ordine di chiudere l’università “La Sapienza” ai manifestanti e l’avviso al Policlino Umberto I di liberare posti letto in caso di feriti.

Il corteo partito da Piazza S.Giovanni vede la partecipazione di moltissimi movimenti : dai No Tav a quelli per il diritto alla casa passando per i precari della scuola.