ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Per l'Europa la banda larga dai satelliti

Lettura in corso:

Per l'Europa la banda larga dai satelliti

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europa sta colmando il gap digitale.
Stando alla Commissione Europea circa 3 milioni di persone non hanno accesso alla normale banda larga perchè vivono in aree rurali o isolate. Adesso un satellite per la banda larga cambia le cose. Parliamo del lancio del sito broadbandforall.eu per facilitare l’accesso alla banda larga europea. La vicepresidente dell’Unione Neelie Kroes spiega perchè è tanto importante mettere on line il continente.

Neelie Kroes, vicepresidente EU:
“Servirà a restaurare l’economia, servirà al lancio di nuovi affari, a creare lavoro e noi abbiamo bisogno di recuperaere l’economia e posti di lavoro”.

La tecnologia satellitare è già in uso in molte aree e porta anche i servizi wifi in certi treni passeggeri. Adesso è disponibile in tutti i 28 paesi dell’Unione.

Michel de Rosen è presidente dell’associazione degli operatori satellitari europei nonchè amministratore delegato di Eutelsat.

Michel de Rosen:
“ I servizi forniti via satellite cambiano la vita della gente. Fatemi fare qualche esempio, un grafico potrà avere accesso a un file o spedirlo e quindi far crescere il suo business, un gestore di bed and breakfast, il proprietario, potrà lanciare informazione sulla sua attività, uno studente potrà avere accesso alle biblioteche universitarie”.

La nuova generazione di satelliti sta svolgendo un ruolo importante nella gestione delle catastrofi. I satelliti a banda larga forniscono collegamenti vitali agli ospedali, ai soccorsi, alla protezione civile come è accaduto durante il terremoto del 2012 in Emilia Romagna.

Per le persone e coloro che fanno affari in aree rurali come qui in Galles un satellite a banda larga estende la copertura del web.
Portare i servizi esenziali della banda larga ovunque in Europa è uno dei punti della Digital Agenda for Europe, una volta ottenuto il risultato bisognerà incrementarne la velocità.