ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Parigi di nuovo in piazza. Il "caso Leonarda" fa tremare Valls

Lettura in corso:

Parigi di nuovo in piazza. Il "caso Leonarda" fa tremare Valls

Dimensioni di testo Aa Aa

Parigi torna a mobilitarsi contro le espulsioni degli studenti. A ore i risultati di un’inchiesta amministrativa sul “caso Leonarda”

Monta in Francia la mobilitazione contro la linea dura sulle espulsioni, adottata dal governo del presidente Hollande.

Sindacati e insegnanti hanno accompagnato a Parigi gli studenti, nel loro secondo giorno di proteste, catalizzate dal rinvio in patria della quindicenne di origini kosovare Leonarda e dell’armeno Khatchik.

“Ci battiamo contro
quest’ondata di espulsioni ai danni di studenti – dice una giovane manifestante -. Non contestiamo solo i casi di Khatchik e Leonarda, ma il principio generale, perché non si può intervenire in un quadro scolastico. L’educazione è un diritto universale. E’ inaccettabile che siano stati espulsi così”.

Piazza e parte della stessa sinistra francese chiedono la testa del Ministro degli Interni Valls, accusato soprattutto per la dinamica dell’espulsione di Leonarda.

“Quanto è certo è che se si è in gita con la classe – e questo era il caso – si rientra nel quadro delle attività scolastiche ha detto il Ministro dell’educazione Vincent Peillon -. Intervenire in un simile contesto è stato finora considerato illegale. Le scuole vanno considerate dei santuari”.

Per il futuro di Leonarda potrebbero rivelarsi determinanti i risultati di un’inchiesta amministrativa sulla sua espulsione in Kosovo, attesi nelle prossime ore. Il governo ha fatto sapere che un suo pronunciamento in merito arriverà entro il weekend.