ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

UE: cauto ottimismo nei negoziati con Teheran

Lettura in corso:

UE: cauto ottimismo nei negoziati con Teheran

Dimensioni di testo Aa Aa

Il clima positivo ai colloqui di Ginevra non permette peró di farsi delle illusioni. Lo dice Michael Mann, portavoce dell’Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione Europea, al nostro inviato Ali May.

Michael Mann: L’Iran prima di tutto deve dimostrare alla comunità internazionale che non sta costruendo un programma militare nucleare. Per farlo deve concordare con noi la possibilità di permettere ad ispettori internazionali di verificare sul campo. Questo arriverebbe peró nella fase finale. Prima di allora l’Iran deve impegnarsi in modo costruttivo nei negoziati. Cosa che non ha fatto precedentemente. Speriamo che questa volta le parole del nuovo ministro si concretizzino in fatti.

Euronews: Prima dell’avvio dei negoziati Teheran ha rilasciato dichiarazioni concilianti. Si è trattato solo di segnali vaghi?

Michael Mann: Dall’elezione del nuovo presidente abbiamo sentito da parte iraniana molte dichiarazioni ma nulla di
concreto sulla carta. Teheran sa cosa ci aspettiamo.

Euronews: Per la diplomazia occidentale questi negoziati rappresentano un passaggio importante. Cosa rappresentano?

Michael Mann: Speriamo davvero di essere ad una svolta. Gli ultimi cinque incontri si sono conclusi con un nulla di fatto perché l’Iran non ha voluto sottoscrivere nessun impegno. Se alle parole seguiranno proposte concrete e realmente costruttive, sarà una svolta. Ma non cadiamo in facili illusioni siamo davanti a un processo complicato.