ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Alitalia, via libera all'aumento di capitale. Su Poste interviene Bruxelles

Lettura in corso:

Alitalia, via libera all'aumento di capitale. Su Poste interviene Bruxelles

Dimensioni di testo Aa Aa

Alitalia è pronta per nuove iniezioni di carburante. L’assemblea dei soci nella notte ha dato luce verde all’aumento di capitale da 300 milioni di euro.

Gli azionisti adesso avranno 30 giorni per sottoscrivere l’opzione, scaduti i quali chi avrà firmato potrà anche acquistare le azioni rimaste invendute.

Poste Italiane si è impegnata per acquistare 75 milioni di euro di titoli, mentre 100 milioni arriveranno dalle banche Intesa e Unicredit, insieme ad un prestito ponte dello stesso valore.

Gli occhi ora sono puntati su Air France-Klm: il vettore franco-olandese, già il maggiore azionista all’interno dell’ex compagnia di bandiera italiana con il 25%, chiede garanzie sul nuovo piano di ristrutturazione in arrivo (di cui, però, ancora non sono stati resi noti i dettagli).

Soddisfatto il governo italiano: il vice ministro dell’Economia Fassina ha sottolineato che, in mancanza di un intervento, “un asset strategico per il Paese sarebbe andato in bancarotta”.

Fassina ha anche difeso l’operato dell’esecutivo, dopo le accuse di aiuti statali da parte di British Airways. A questo proposito, però, la Commissione europea ha invitato Roma a sottoporre al suo giudizio il piano.

Chiaro il paletto posto dall’antitrust di Bruxelles: Poste Italiane interviene come farebbe un normale investitore di mercato o solo per aiutare Alitalia? Se la risposta è la seconda per Alitalia si prevede un atterraggio di emergenza.