ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un locale, un mito,la sua storia nel film CBGB.

Lettura in corso:

Un locale, un mito,la sua storia nel film CBGB.

Dimensioni di testo Aa Aa

Talking Heads, Patti Smith, Blondie, B52, Police sono solo alcuni dei gruppi e degli artisti che si sono esibiti e a volte sono stati lanciati nel mitico locale newyorchese CBGB & OMFUG (cioè Country Blue Grass Blues and Other Music For Uplifting Gourmandizers). Aperto nel Lower East Side di Manhattan nel 1973 e chiuso nel 2006, è stato punto di riferimento prima per underground, new wave e punk anni ’70 e ’80 e poi soprattutto per l’hardcore punk. La sua storia oggi è un film.

1.30 Ashley Greene, attrice:
“Credo che tanto gli artisti che gli attori operino per il pubblico, sistemandolo in un certo modo e portandolo indietro nella storia. Ritrarre qualcuno che abbia un grande impatto nella vita resta bello. In particolare per me il locale chiuse prima che io avessi l’età per poterci andare”.

Il regista Randall Miller ha raccontato la storia del club con Alan Rickman nei panni del fondatore del locale Hilly Kristal mentre la Ashley è nelle vesti della sorella del fondatore.Il CBGB era diventato da subito un luogo ‘mito’ in cui suonare anche per le regole a cui dovevano adeguarsi tutti gli artisti in cartellone: suonare solo musica originale, senza successi da classifica o cover.

Johnny Galecki, attore:
“Devono essere stati tempi incredibilmente entusiasmanti, exciting time. Contemporanemante non si riesce a capire quanto importante fu questa esperienza per la società di allora. Ma tutto è diventato storia”.

Kristal, deceduto nel 2007 era apparentemente scorbutico ma era pronto ad aiutare chi ne avesse bisogno e non si è mai arricchito. CBGB, lanciato con l’ironico slogan ‘50mila bands, un solo disgustoso bagno’‘ esce adesso in sala negli Stati Uniti.