ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, monta l'onda xenofoba

Lettura in corso:

Russia, monta l'onda xenofoba

Dimensioni di testo Aa Aa

In Russia continua la caccia all’uomo, dopo l’assassino del 25enne pugnalato giovedì a Mosca. L’autore del delitto sarebbe originario dell’Asia Centrale o del Caucaso secondo alcune fonti. Il caso ha fatto riesplodere la rabbia contro gli immigrati, degenerata in manifestazioni violente. La polizia sta conducendo controlli a tappeto in un clima di tensione crescente:

“Mi sorprende che la polizia non faccia nulla – dice una residente della capitale – gli immigrati riempiono gli appartamenti fino a farli esplodere e nessuno dice niente, senza documenti e la polizia resta a braccia incrociate”.

Domenica migliaia di persone, tra abitanti del quartiere e militanti nazionalisti, hanno dato vita a una manifestazione che è degenerata in violenze contro gli immigrati. Scontri, vetrine spaccate, agenti feriti e un tentato incendio a un mercato di frutta e verdura: per un giorno Mosca è stata teatro di una guerriglia urbana.

“Sono sorpresa dall’indifferenza della politica. I migranti vivono in appartamenti che potrebbero esplodere da quanto sono pieni, vivono così, senza documenti e la polizia non fa nulla”