ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, i timori dei migranti: "Andrà solo peggio"

Lettura in corso:

Russia, i timori dei migranti: "Andrà solo peggio"

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre 1000 immigrati arrestati a Mosca. La vasta operazione di Polizia, seguita agli scontri di domenica, non placa la tensione nella capitale russa. La rabbia nei confronti degli immigrati, esplosa dopo l’omicidio di un giovane russo giovedì, priva della speranza di un ritorno alla normalità chi si trova al centro delle polemiche: “Noi immigrati abbiamo causato alcun problema, era già tutto organizzato – racconta un imprenditore di origini azere – Cosa ne verrà? Niente di buono. Ci urlano contro di andarcene, pensate che cambierà qualcosa? Non avverrà, se non in peggio”.

L’assalto al centro commerciale, considerato luogo di ritrovo dei migranti della capitale, resta la pagina più nera scritta, negli ultimi tre anni, dalla destra xenofoba, che cavalca il disagio della popolazione:

Alexei Gladyshev, residente della capitale: “Loro vanno in giro armati di coltelli, minacciano le persone, le violentano a pochi metri dalla stazione di polizia, atti che vengono taciuti nei rapporti delle forze dell’ordine”. Il giovane Iegor Sherbakov è stato accoltellato davanti agli occhi della fidanzata, per aver tentato di difenderla dagli insulti di un passante, ritenuto un immigrato azero, sulla base delle immagini di una videocamera.